Hills of Love

Durante il mese di luglio 2018, per la prima volta nella storia Europea, per 11 giorni a Krnjak, in Croazia, è stata tenuta la più grande celebrazione Vedica, Ati Rudra Maha Yajña (ARMY), alla quale hanno partecipato 121 ritvik da Europa e USA, così come 22 bramini dall'India. Ati Rudra Mahā Yajña è la massima offerta spirituale per la pace del mondo che comporta la recitazione dello Śrī Rudram per 14.641 volte come contemplazione (japa), unificazione (abhiṣeka), e 1465 volte come offerta sacra e perdita simbolica dell'identificazione (homa).

ARMY non è solo una grand cerimonia spirituale, che porta potenti benedizioni celestiali, ma anche amore in azione, portando aiuto alla popolazione locale in termini di cibo, vestiario, e oggetti di uso domestico (nārāyaṇa sevā). Devoti di Bhagavan Sri Sathya Sai Baba, che hanno partecipato all'ARMY, hanno preparato 270 scatole di cibo e scorte ad uso domestico, e nel giro di tre giorni, assieme ad alcuni volontari dei servizi sociali, hanno fatto visita a 108 case, la maggior parte delle quali ospitanti persone di più di 80 anni.

 

Quest'anno, i giovani della Croazia hanno deciso di ripetere questa grande azione umanitaria, chiamata Colline d'Amore. Il cibo è stato raccolto nei mesi di aprile e maggio, e sono stati preparati 90 pacchetti. Il nostro seva è iniziato con preghiere, mantra e meditazione nell'area del futuro ashram alla casa di Swami in Krnjak, dove durante l'ARMY dello scorso anno sono avvenuti molti miracoli, nella forma di impronte dei piedi di Swami, di materializzazione di vibhuti o kumkum dalla foto o dalla statua d'oro di Swami.

 

Dopo le preghiere, i giovani, assieme ai volontari dei servizi sociali, si sono suddivisi in quattro macchine e sono andati a fare visita le case delle persone anziame, sole, e spesso molto malate Ogni macchina ha visitato cinque case, e siamo stati mezz'ora in ogni casa, poiché lo scopo non era solo quello di distribuire i pacchi, ma di dare amore e supporto alle persone anziane e quasi abbandonate. Sono così soli che alcuni di loro passano dieci giorni senza nemmeno l'opportunità di parlare con qualcuno. I giovani hanno portato gioia e sorrisi a questi anziani, e i giovani sono tornati a casa non solo profondamente toccati dalla sofferenza delle persone che vivono in solitudine sui colli, ma anche con la volontà di organizzare una visita a queste persone ogni quattro mesi. Questa la ragione per cui abbiamo chiamato quest'azione Colline d'Amore.