Gruppo Crescere Per Essere Dio

Di Friburgo, Germania

Il gruppo femminile di Crescere per essere Dio della città di Friburgo ha iniziato la sua attività circa un anno fa. Sette bambine di età compresa tra gli 8 e gli 11 anni si incontrano il sabato, ogni due settimane, per incontri di un'ora e mezza. L'insegnante del gruppo è Claudia Dürr, la quale prepara le sessioni con focalizzazione sui valori umani. Il gruppo legge storie, medita, fa attività manuali e giochi di ruolo. Quest'anno è stato dedicato agli argomenti di amore, pace, verità e giustizia. Le bambine entrano così tanto nei temi che vengono tenute molto a lungo sui materiali preparati. È meraviglioso vedere come le bambine siano arrivate a conoscersi l'un l'altra così bene, e come si sia sviluppata un'atmosfera di fiducia e rispetto all'interno del gruppo. Tuttavia, ci è voluto molto tempo perché ciò accadesse. Ad esempio, all’inizio, quando veniva letta e discussa una storia, c’erano bambine che esprimevano apertamente e dettagliatamente le proprie opinioni, mentre altre erano più riservati e non condividevano quasi nulla. Questa è sempre una sfida, sia per l’allievo che per l’insegnante, che ha bisogno di incoraggiare i bambini ed assicurarsi che tutti siano coinvolti, ed è qualcosa che richiede semplicemente un po’ di tempo.

Le bambine hanno anche avuto molte idee riguardo a quali temi, storie e giochi avrebbero voluto fare! Una volta è stata discussa una storia riguardante la verità e una delle bambine ha avuto l’idea che la donna della storia che non poteva vedere la verità avrebbe dovuto guardare nello specchio. Allora, forse, la sua situazione le sarebbe diventata chiara. Quindi, ognuno ha fatto il proprio specchio fatto a mano, per poi usarlo come aiuto per vedere se ci fosse verità nelle proprie vite.

Le bambine cooperano magnificamente l’un l’altra e hanno nuove idee, ma si prendono anche cura tra di loro quando lavorano su progetti comuni. In una delle sessioni sul soggetto della pace, è stato chiesto loro di dare esempi di quando si sentissero in pace e quando no, e di pensare a cosa accade quando uno perde la pace.  Hanno creato varie situazioni e cercato soluzioni sul come riportare la pace. È stato bellissimo vedere come le bambine cercassero di rappresentare delle versioni migliori di loro stesse. Guardavano a loro stesse da diversi punti di vista e giocavano con i loro comportamenti cercando di migliorarli. Una delle bambine ha confessato di avere una situazione turbolenta a casa, con costanti litigi con gli altri. Nel gioco, abbiamo fatto pratica sul come possa lei portare pace in quelle situazioni. Ha fatto pratica su come ristorare la pace di sé stessa e della situazione, e dopo qualche settimana è riuscita a farlo con successo anche a casa. In un’altra sessione è stato chiesto loro di dipingere un albero insieme e di rappresentare le foglie con cose che portano loro pace. Sono state in grado di organizzarsi tra loro e discutere cosa fosse necessario e chi facesse cosa. Due bambine hanno deciso che l’albero avesse bisogno di un nome e hanno iniziato a creare un cartello. Le altre hanno lavorato sull’albero. A questo punto hanno scoperto che la bambina tra loro che era solitamente molto timida era bravissima a disegnare. Improvvisamente, è diventata il centro dell’attenzione e ha ricevuto un sacco di riconoscimenti dalle altre. Si è aperta visibilmente. 
 

Nel tempo, le bambine hanno imparato a conoscersi bene e l’atmosfera nel gruppo è diventata familiar. Ora sono molto più aperte nel parlarsi e anche nel discutere a volte. I genitori sono a loro volta molto grati e felici dei progressi del gruppo. Dicono che le bambine sono felici degli incontri e non vedono l’ora di ritornare. Tuttavia, i genitori non sono esattamente consapevoli di tutte le attività svolte nel gruppo. Per questo, sono stati invitati al “Festival dei Valori” che si terrà a breve, e i bambini avranno la soddisfazione di mostrare cos’hanno imparato ai loro fieri genitori.