Scatoloni d'Amore per Famiglie Distrutte

Si stima che la Grecia attualmente abbia tra i due e i tre milioni di persone che vivono al di sotto della soglia di povertà. Qualche anno fa la maggior parte di queste persone aveva un buon lavoro con un tenore di vita normale o superiore alla media. Tuttavia, l'immagine di oggi è molto diversa con povertà e difficoltà finanziarie che perseguitano la vita di molte famiglie, case.

I giovani al Nettare d'Amore (il centro Seva) hanno sentito che avrebbero dovuto fare qualcosa per alleviare dai loro pesanti oneri almeno poche famiglie, perciò nell'ultimo mese il team ha preso la decisione di consegnare regolarmente alle famiglie con gravi difficoltà degli scatoloni di cibo e beni di prima necessità. Questi scatoloni contenevano diversi tipi di fagioli, olio d'oliva, lenticchie, riso, pasta e maccheroni, detergenti, saponi, detersivi in polvere, liquidi per pulire in genere, zucchero, farina e latte in polvere, tra altre cose.

Come prima fase, sono state ordinate 2,5 tonnellate di cibo, per creare un totale di circa 120 scatole di grandezza medio-grande. In collaborazione con la Chiesa locale che è stata in grado di identificare e confermare chi fossero coloro i quali vivono in condizioni di difficoltà, i giovani hanno dato quasi metà delle scatole a singoli o famiglie che soffrono di problemi finanziari. L’altra metà delle scatole è stata presa e distribuita in un orfanotrofio in una remota area nella parte sud di Atene. Le condizioni erano scioccanti: l’orfanotrofio quasi non aveva supporto o risorse rimaste con cui prendersi cura dei bambini. Sono stati estremamente grati dell’aiuto, ringraziando il gruppo più e più volte.

Per loro fortuna, i giovani sono stati in grado di ripetere quest’attività poco tempo dopo, ma questa volta l’esperienza è stata più forte. Attraverso una fonte affidabile e di fiducia, hanno identificato 40 famiglie in molte aree nella parte nord di Atene che erano state distrutte dalle crisi economiche. Iniziando all’incirca a mezzogiorno, un piccolo gruppo è andato porta a porta in ogni casa, consegnando scatoloni fino a sera. Per grazia di Dio, ogni famiglia ha accolto il gruppo in casa. Ogni famiglia ha avuto una storia tragica: prestiti presi prima della crisi erano impossibili da ripagare; entrambi i genitori disoccupati con molti bambini; un padre ha abbandonato la famiglia lasciando la madre disoccupata ad occuparsi dei figli; persone che vivono senza elettricità e molto altro. È stata un’esperienza umile, illuminante per tutti coloro che ne hanno fatto parte.

Guardando indietro, questa è stata una delle attività di Narayana Seva di maggior impatto e più toccanti intraprese, e i giovani pregano per poter continuare ad avere le risorse per essere in grado di portarla avanti. Un piccolo gruppo come questo può non essere in grado di aiutare un grande numero di famiglie, ma l’idea è di influenzare altre persone e spingerle ad iniziare a fare lo stesso, portando a risultati assai maggiori e anche aiutandoli fornendo questo Seva per ttrasformare loro stessi. Venire in contatto con ogni famiglia, parlare con loro, vedere e sentire le loro difficoltà, crea certamente un senso di urgenza a servire il più possibile. Condividere il dolore delle persone meno fortunate espande il proprio cuore, e porta alla realizzazione che gli “altri” siamo noi stessi.